Pellet Migliore

Il Pellet Migliore contiene lignina, un polimero naturale che funge da legante. I leganti chimici riducono l’efficienza del prodotto e possono favorire la produzione di numerose ceneri. Il pellet è disponibile in numerose varianti qualitative legate al processo di fabbricazione, al tipo di materie prime impiegate e alla pressione di estrusione. Alcuni semplici test permettono di identificare il Pellet Migliore per la propria stufa.

Controllo dell’odore

Prendete una manciata di pellet e annusatelo dovreste sentire un profumo di legno appena tagliato. Se avvertite un odore differente vuol dire che sono presenti dei sottoprodotti. Prendete una manciata di pellet e bruciatene un’estremità: il fumo deve odorare di legno; in caso contrario il pellet non è di buona qualità.

Controllo della dissolvenza

Mettete una manciata di pellet in un bicchiere d’acqua. Se il Pellet va a fondo e non si dissolve vuol dire che il Pellet è di un ottima qualità.

Controllo della dissolvenza

Mettete una manciata di pellet in un bicchiere d’acqua. Se il Pellet va a fondo e non si dissolve vuol dire che il Pellet è di un ottima qualità.

Controllo delle specificazioni

Il Pellet Migliore ha poche ceneri, poca umidità, alto potere calorifico e non è troppo lungo.

  • Dimensioni: la maggior parte dei pellet hanno diametro di 6 mm; la lunghezza è circa 3-4 volte il diametro.
  • La percentuale di umidità di un buon pellet è tra il 6 e il 10%
  • Contenuto di ceneri: il pellet di qualità ha un contenuto di ceneri più basso dello 0,7 %
  • Un buon pellet ha un potere calorifico superiore a 16,5 MJ/k

La qualità del pellet: standards e certificazioni

Esistono diverse certificazioni utilizzate in Europa. Nella tabella seguente potete osservare I requisiti comunemente richiesti:

Nell’ottica di scegliere un pellet di qualità, tra i migliori in commercio per resa (in base all’utilizzo che se ne fa), come prima cosa diffidiamo, al momento dell’acquisto, di sacchetti anonimi e se acquistiamo del pellet sfuso, esigiamo di vedere la documentazione relativa al prodotto che ci viene offerto in vendita. Per poter scegliere il migliore pellet basandoci su considerazioni tecnico-scientifiche e non sul sentito dire, cerchiamo di imparare a leggere l’etichettatura che accompagna il pellet certificato.

Capite la reale convenienza dei diversi tipi di pellet:

Dopo aver provato vari prodotti e trovato quello più adatto confrontate il valore reale, dividete il prezzo di acquisto per il potere calorifico. Vediamo due semplici esempi:

Esempio 1: avete pagato un sacchetto da 15 kg € 5,00 e il rendimento indicato è di 5,0 kWh/kg, dividete i 5,00 euro spesi per i 15 kg e poi dividete ancora per rendimento di 5,0 kWh/kg. Avrete ottenuto che per 1 kW dovrete spendere 0,67 euro/kW.

Esempio 2: avete pagato un sacchetto da 15 kg € 4,70 e il rendimento indicato è di 4,6 kWh/kg, dividete i 4,70 euro spesi per i 15 kg e poi dividete ancora per rendimento di 4,6 kWh/kg. Avrete ottenuto che per 1 kW dovrete spendere 0,68 euro/kW. Il risparmio del secondo sacchetto è quindi solo teorico perché il rendimento del primo sacchetto è nettamente maggiore e probabilmente vi ritroverete ad avere meno problemi di funzionamento e pulizia.

Contatto  telefononico +39 06 5656 9702 + 39 0766 1916 319